Dai lunghi studi fatti negli anni ’60 e ’70 da Giovanni Colombini sulla fermentazione delle uve di Montalcino, nasce questo vino rosso, molto versatile e mai eccessivo, ideale per accompagnarci ogni giorno e per dividere con gli amici le gioie della convivialità. Prodotto in prevalenza con il Sangiovese, mette in evidenza, con grande semplicità e schiettezza, le tipiche note fruttate di questo vitigno.

L’etichetta è tornata a essere quella originale, disegnata da Giovanni Colombini, con cui è nato nel 1969.

Uve Sangiovese 90-95% – altri vitigni a bacca rossa per la restante percentuale.

Vigneti Della Fattoria dei Barbi a Montalcino. Terreno: galestro, argilloso. Altitudine: 400 m slm. Età media: 15 anni. Esposizione: Sud Ovest. Sistema di Allevamento: Cordone libero. Ceppi per Ettaro: 5.000.

Vinificazione e Affinamento A seconda dell’annata vendemmiale le uve pigio-diraspate vengono abbattute di temperatura fino a 16°C per ottenere maggiore estrazione del contenuto di antociani e polifenoli dalla buccia dell’uva e maggiore stabilità del colore. La normale fermentazione alcolica dura circa 10/12 giorni a temperatura controllata di 27-28°C. L’affinamento avviene in vasche d’acciaio.

Analisi sensoriale Colore: rosso rubino intenso e vivace.
Profumo: al naso offre profumi puliti di lampone e fragoline di bosco, impreziositi da lievi note floreali.
Gusto: ha bocca snella, fresca, fruttata, di grande piacevolezza.

Abbinamenti Vino versatile, si accompagna bene a carni bianche, affettati, sughi speziati, formaggi non troppo stagionati e pizza tradizionale.

Temperatura di servizio 18°C.

Capacità di invecchiamento 3-4 anni.

Conservazione delle bottiglie Coricate, al buio e a una temperatura di 12°-14°C.

90 punti – James Suckling

Aromas of plums and dried berries with hints of flowers and sweet tobacco. Medium body, redcurrant and berry flavors and a medium finish. Drink now.

93 punti – Intravino | Andrea Gori

Barbi: ampiezza e tocchi femminili graziosi, cipria, mughetto, viola e lavanda, poi in bocca il frutto è convincente, con centro bocca preciso e finale in crescendo. 93

91 punti – Vinous | Ian D’Agata

Brunello di Bright red. Sour red cherry, violet and licorice on the subtle, complex nose. Suave and fine-grained, with pure red berry flavors communicating a restrained sweetness and an underlying mineral bent. Finishes perfumed and long, with smooth, tannins and lovely lift and length. A classy Brunello of sneaky concentration and outstanding balance. Well done in such a difficult year, Drinking window: 2020-2029

Antonio Di Spirito | Luciano Pignataro

E’ pigro e ritroso a manifestarsi, almeno al naso; in bocca, però, ritrovi tutti gli elementi del grande vino complesso, profondo ed equilibrato; è fresco, concentrato ed intenso; interminabile la sua persistenza.

92+ punti – Monica Larner | Robert Parker – Wine Advocate

Fattoria dei Barbi’s 2014 Brunello di Montalcino marks an impressive effort in what was undoubtedly a difficult vintage. The experienced winemaking team at this historic estate has evidently made specific choices to uphold the quality of their Brunelllo despite the challenges of this wet and cold growing season. For example, careful green harvesting proved essential for even ripening of the clusters. The fruit here does appear evenly mature and there is enough succulent flavor intensity (with dark fruit, tobacco and cured spice) and texture to count on a healthy aging trajectory as we move forward in time. However, this vintage is fundamentally near and medium term, so I would recommend a 10- or 15-year drinking window. It also tastes great straight out of the gate.