Il Chianti Classico è il vino toscano con la regolamentazione più antica. Già nel 1716 fu emesso un editto dal Granduca di Toscana Cosimo III che ne delimitava il territorio di produzione. Oggi molte cose sono cambiate, ma il carattere di grande classe e austerità di questo vino è rimasto ed anzi può dirsi accresciuto.

Uve Sangiovese 80% – Cabernet e Merlot 20%.

Vinificazione e Affinamento La vinificazione viene fatta in maniera tradizionale con macerazione non eccessivamente lunga ma con fermentazione malolattica indotta subito dopo la fine di quella alcolica. Affinamento: in grandi botti di rovere di Slavonia.

Analisi sensoriale Colore: rosso rubino intenso.
Profumo: presenta aromi fruttati intensi, di marasca, con sfumature balsamiche e speziate.
Gusto: in bocca grande struttura e buona trama acida, in perfetto equilibrio con la componente alcolica e con i tannini dolci che conferiscono al vino una giusta morbidezza.

Abbinamenti Cacciagione, piatti di carne rossa, arrosti.

Temperatura di servizio 18°C.

Capacità di invecchiamento 3-5 anni.

Conservazione delle bottiglie Coricate, al buio e a una temperatura di 12°-14°C.

90 punti – James Suckling

Aromas of plums and dried berries with hints of flowers and sweet tobacco. Medium body, redcurrant and berry flavors and a medium finish. Drink now.

93 punti – Intravino | Andrea Gori

Barbi: ampiezza e tocchi femminili graziosi, cipria, mughetto, viola e lavanda, poi in bocca il frutto è convincente, con centro bocca preciso e finale in crescendo. 93

91 punti – Vinous | Ian D’Agata

Brunello di Bright red. Sour red cherry, violet and licorice on the subtle, complex nose. Suave and fine-grained, with pure red berry flavors communicating a restrained sweetness and an underlying mineral bent. Finishes perfumed and long, with smooth, tannins and lovely lift and length. A classy Brunello of sneaky concentration and outstanding balance. Well done in such a difficult year, Drinking window: 2020-2029

Antonio Di Spirito | Luciano Pignataro

E’ pigro e ritroso a manifestarsi, almeno al naso; in bocca, però, ritrovi tutti gli elementi del grande vino complesso, profondo ed equilibrato; è fresco, concentrato ed intenso; interminabile la sua persistenza.

92+ punti – Monica Larner | Robert Parker – Wine Advocate

Fattoria dei Barbi’s 2014 Brunello di Montalcino marks an impressive effort in what was undoubtedly a difficult vintage. The experienced winemaking team at this historic estate has evidently made specific choices to uphold the quality of their Brunelllo despite the challenges of this wet and cold growing season. For example, careful green harvesting proved essential for even ripening of the clusters. The fruit here does appear evenly mature and there is enough succulent flavor intensity (with dark fruit, tobacco and cured spice) and texture to count on a healthy aging trajectory as we move forward in time. However, this vintage is fundamentally near and medium term, so I would recommend a 10- or 15-year drinking window. It also tastes great straight out of the gate.